Le soffianti centrifughe ZB VSD erogano aria ad alta pressione nelle vasche di sedimentazione

Se si potesse vedere a 8,5 m di profondità nel torbido delle vasche di trattamento biologico, si scoprirebbero tre soffianti centrifughe ZB 130 VSD e due compressori a vite monostadio più vecchi che erogano aria compressa e guidano il processo di pulizia biologica del contenuto delle vasche.


Centrifugo Centrifugal Turbocompressors Soffianti Class 0 Compressori e gruppi elettrogeni

Processo intensivo dal punto di vista energetico

Si tratta di un processo intensivo dal punto di vista energetico, soprattutto per il fatto che le vasche sono profonde il doppio del normale. Ogni anno l'impianto depura una media di 6,5 - 7 milioni di m3 di acque reflue; tale processo rappresenta il 40% del consumo energetico complessivo.

Un investimento nell'ambito dell'efficienza energetica e della facilità di manutenzione

L'aria compressa necessaria per il processo biologico veniva fornita in precedenza da cinque compressori a vite monostadio. Poiché questi compressori obsoleti dovevano essere completamente revisionati con un costo elevato, è iniziata la ricerca di una nuova soluzione energeticamente efficiente. Si è ritenuto che le soffianti centrifughe con cuscinetti magnetici fossero la migliore opzione data l'eccezionale profondità delle vasche che richiede una pressione elevata. "Grazie alle soffianti centrifughe siamo in grado di produrre pressioni più alte rispetto ai compressori a vite," spiega Schweinforth. "Abbiamo acquistato le nuove soffianti per avere macchine più efficienti dal punto di vista energetico e di facile manutenzione," afferma il responsabile dell'impianto, Karl-Heinz Schröder.


“Ora che utilizziamo le soffianti centrifughe di Atlas Copco, risparmiamo circa 15.000 Euro all'anno sui costi della manutenzione, dell'energia e delle risorse rispetto ai compressori a vite.”

Karl-Heinz Schröder , Responsabile dell'impianto

Aria compressa oil-free come necessario

Installazione della soffiante ZB VSD a Putzhagen

Le tre soffianti centrifughe con regolazione della velocità generano tra 2.500 - 7.500 Nm³ di aria compressa oil-free all'ora, a seconda della quantità di acque reflue e di carico inquinante. L'interazione è affidata al sistema di controllo principale ES 130 di Atlas Copco. Il sistema di controllo del processo determina il fabbisogno di aria in base al contenuto di ossigeno nelle vasche. "Al momento stiamo ancora utilizzando un regolatore a pressione costante," afferma Schröder. "Il nostro prossimo obiettivo è quello di ottimizzare questo processo di regolazione e di integrare un regolatore di pressione variabile. Fino ad ora abbiamo sprecato molta energia poiché abbiamo operato con valvole a saracinesca chiuse ad una pressione costante di 1.020 millibar. Installando un regolatore di pressione variabile, tutte le otto valvole a saracinesca sono collegate e la pressione può essere regolata in linea con la domanda, consentendone la riduzione.