Le nostre soluzioni
Utensili e Soluzioni Industriali
Soluzioni
Industrie nostre clienti
Utensili e Soluzioni Industriali
Prodotti
Utensili e Soluzioni Industriali
Soluzioni di perforazione
Prodotti per l'Energia
Soluzioni
Prodotti
Prodotti per l'Energia
Sistemi di accumulo di energia
Specialty Rental
Soluzioni
Compressori
Soluzioni
Prodotti
Compressori
Prodotti e soluzioni
Soluzioni
Trapani
Prodotti e soluzioni
Sistemi di accumulo di energia

Separatori acqua/olio

Rimuovere l'olio dalla condensa del compressore non è solo la cosa giusta da fare per proteggere l'ambiente, ma è anche un obbligo normato dal Testo Unico Ambiente D.L. 152/2006

Contattaci per saperne di più

6 gennaio 2022

La separazione acqua/olio è richiesta per legge

Tempo di lettura stimato: 5 minuti

Proprio come non tutti gli automobilisti indossano una cintura di sicurezza anche se è chiaramente la cosa sicura e responsabile da fare, non tutte le aziende agiranno autonomamente per proteggere l'ambiente.

In Italia il trattamento delle acque reflue industriali è normato dal “Testo Unico Ambiente D.L. 152/2006” e la sua violazione può comportare pesanti sanzioni, sia amministrative che penali come previsto nella Parte Terza -Titolo V, Capo I – Sanzioni amministrative all’art. 133 e al Capo II – Sanzioni penali all’art. 137

Un'azienda può essere multata fino a 30.000 € in caso di sanzioni amministrative ma in caso di sanzione penale si può arrivare a 52.000€ e l’arresto da tre mesi a tre anni.

Attualmente la “Tabella 3 - Valori limiti di emissione in acque superficiali e in fognatura” (Allegato V Parte Terza), indica che il contenuto di olio residuo accettabile in caso discarico in rete fognaria sia pari a 10 mg/l, ma le autorità locali potrebbero imporre livelli più severi. Ciò significa anche che questi limiti potrebbero essere ridotti da disposizione regionali o provinciali in qualsiasi momento, per questo motivo il separatore olio/acqua OSC di Atlas Copco mette le aziende al sicuro per il futuro permettendo di raggiungere 5 mg/l.

Come ulteriore vantaggio, la serie OSC utilizza un nuovo sistema a cartucce che rende la manutenzione delle unità molto più semplice e meno complicata rispetto ai separatori olio/acqua convenzionali.

Ciò significa, alla fine, che si tratta di una soluzione vincente per tutti: operatori, aziende e ambiente.

Perché è necessaria la separazione acqua/olio?

In un certo senso, le parti di una rete di aria compressa sono paragonabili a quelli delle auto. Ci sono alcuni elementi che le auto devono avere per funzionare, come il motore. Ci sono poi altri elementi, come ad esempio, le cinture di sicurezza che non sono tecnicamente necessarie per guidare la vettura, ma sono tuttavia obbligatorie, non solo perché hanno una ragione ben precisa, ma anche perché sono richieste dalla legge. Infine, alcuni elementi extra sono semplicemente comodi da avere, come i sedili riscaldati.

In un sistema dell'aria compressa, è ovviamente necessario un compressore per mantenere tutto in funzione. Esistono anche alcune opzioni che non sono essenziali, ma che miglioreranno le prestazioni o l'efficienza, come la tecnologia di connettività. E poi ci sono elementi come i separatori acqua/olio.Aggiungerli ad un sistema dell'aria compressa che utilizza compressori a iniezione d'olio non è solo una scelta di buon senso, ma è anche obbligatorio qual ora non sia presente un sistema di gestione delle condense. I separatori acqua/olio svolgono un ruolo essenziale in questi sistemi. Oltre ai numerosi vantaggi, i compressori a iniezione d'olio infatti, presentano un leggero svantaggio: generano cioè una condensa che include tracce di olio. Fortunatamente, i separatori acqua/olio possono risolvere questo problema in modo semplice. Grazie ai diversi tipi di filtri, sono in grado di rimuovere efficacemente l'olio dall'acqua in modo da smaltirlo in modo sicuro e corretto. Ma perché dovresti risolvere il problema? Beh, ci sono due motivi principali.

La separazione acqua/olio è la cosa giusta da fare

Secondo motivo, ma non meno importante, lasciare che le sostanze inquinanti penetrino nelle acque sotterranee è dannoso per l'ambiente. Chiunque abbia seguito le notizie sulle fuoriuscite di olio sa quali sono le conseguenze che possono avere per animali e piante. Uno dei motivi per cui l'olio nelle acque sotterranee è così dannoso è che per contaminare una grande quantità di acqua è necessaria solo una piccola quantità di olio. Nel caso dell'olio motore, ad esempio, un'unità di olio può contaminare un milione di unità di acqua. Oltre a danneggiare animali e piante, l'olio che penetra nelle acque sotterranee influisce anche sul terreno, sui fiumi e sui laghi, fino a quando potrebbe essere necessario effettuare costosi interventi di bonifica. Per quanto riguarda la separazione acqua/olio, quindi, più la condensa viene pulita, meglio è per tutti noi. A tal proposito, il nuovo separatore acqua/olio OSC di Atlas Copco ha stabilito un nuovo standard. Grazie a un ingegnoso sistema di trattamento a tre stadi, è in grado di filtrare più tipi di olio presenti nella condensa e ottenere un'eccezionale purezza dell'acqua fino a 5 ppm all'uscita.

Guarda questo video per maggiori informazioni sul separatore olio/acqua OSC

Argomenti e progetti correlati

Separatori acqua olio OSC Trattamento aria e gas