Atlas Copco aggiunge tre nuovi modelli a LED alla gamma di torri faro HiLight

Atlas Copco ha ampliato la sua gamma di torri faro HiLight con il lancio di tre nuovi avanzati modelli a LED del tipo  plug-and-light, ovvero P2+, V2+ e V3+, facilmente collegabili a qualsiasi alimentazione di corrente (alimentatore ausiliario, generatore portatile o rete elettrica). Efficienza dal punto di vista energetico, manutenzione ridotta al minimo, facile trasportabilità e movimentazione in sicurezza sono le caratteristiche di questi nuovi tre modelli.

Torre faro HiLight P2+

Ideale per l’illuminazione di eventi all’aperto in qualsiasi parte del mondo, la torre faro HiLight  P2+ può illuminare a 360º un’area di  2.000 m2: una zona luminosa maggiore rispetto a quella garantita dalle torri faro a pallone. Le lampade a LED da 320 W sono disposte in un alloggiamento cilindrico in polietilene, a prova di intemperie, che impedisce alle lampade di bruciarsi, prolungandone così la vita utile. L’intero complesso pesa appena 45 kg, è straordinariamente robusto ed è certificato per una stabilità al vento fino a 50 km/h. La colonna verticale può essere elevata manualmente fino a 5,5 metri di altezza.


Progettate per l’uso in cantieri sia stradali che edilizi, HiLight V2+ e V3+ sono alloggiate su un sottocarro a quattro ruote per la facile movimentazione. Ambedue i modelli sono dotati di un telaio in acciaio heavy-duty e protetti da paraurti in polietilene fabbricati con gli stessi standard elevati della cofanatura HardHat di Atlas Copco. La torre faro V2+ è caratterizzata da lampade a LED da 320 W per una copertura luminosa di 2.000 m2. La torre faro HiLight V3+ presenta 4 lampade a LED, ciascuna da 120 W, combinate con ottiche direzionali appositamente progettate, capaci di illuminare un’area di 3.000 m2. Inoltre, V2+ e V3+ sono equipaggiati di una colonna verticale, ad azionamento manuale, che può essere estesa fino a 5,5 metri in altezza e che consente una rotazione di 9º.


Le nostre nuove torri faro HiLight sono progettate per agevolare i lavori creando un ambiente di lavoro sicuro e ben illuminato, per una maggiore produttività” afferma Felix Gomez, Product Marketing Manager for Light Solutions presso la Divisione Energia Portatile di Atlas Copco. “Ma non solo: le lampade a LED non tendono a bruciarsi e hanno una durata utile di 30.000 ore, contribuendo così a ridurre i costi di manutenzione e a prolungare gli intervalli tra una manutenzione e l’altra”. Se non è possibile l’accesso alla rete elettrica ed è necessario un generatore portatile, Atlas Copco raccomanda di utilizzare i suoi generatori compatti IP, che sono portatili e poco rumorosi. Il controllo intelligente della velocità variabile, insieme alla possibilità di erogazione in parallelo, garantisce l’energia necessaria al minore consumo di carburante possibile, adattando la velocità del motore alle condizioni di carico.


LED HiLight

Per ulteriori informazioni:


Matteo Busnelli - Business Line Mgr Portable Energy - matteo.busnelli@it.atlascopco.com


Cristina Baraldini - Communication Mgr - cristina.baraldini@it.atlascopco.com