Perforazione a distanza

Proof of Concept

Minntac esegue un test drive del Pit Viper con controllo teleremoto

29 maggio 2017

Dal 2013, la United States Steel Corporation sta attuando un'importante trasformazione dei suoi principali processi aziendali nell'ambito di mercati impegnativi implementando una serie di strategie chiamate “The Carnegie Way”. Situata nell'Iron Range, una formazione di taconite nel Minnesota settentrionale, la miniera di Minntac della U. S. Steel si sta aprendo alla tecnologia. Le operazioni di perforazione in teleremoto toccano diversi valori della società, supportando una sostenibilità continua attraverso un livello di efficienza aumentato per le generazioni a venire. Il controllo teleremoto del carro di perforazione a rotazione per fori di grande diametro Pit Viper 351 di Atlas Copco è stato introdotto nel progetto Minntac in modo che la società potesse rendersi conto di come questo si integrava con le operazioni esistenti. Il funzionamento a distanza di un carro di perforazione in genere consente alle miniere di accedere in modo sicuro ad aree difficilmente raggiungibili in altro modo per operazioni di perforazione o smarino. Può anche permettere a un solo perforatore di gestire più carri contemporaneamente da un'unica piattaforma operativa. Queste migliori prestazioni, la maggior produttività e il più alto livello di sicurezza sono i principi chiave alla base del metodo “The Carnegie Way”.

“Nella nostra miniera ci sono buone condizioni di perforazione e lo stato della roccia supporta bene queste operazioni. Ci siamo aperti al Pit Viper con controllo teleremoto come Proof of Concept per una maggiore efficienza: aumenterà anche la produttività?”

Matt Luoma, Area Manager of Mine Engineering and Development at Minntac

Il funzionamento in teleremoto elimina alcuni dei compiti non legati alle attività di perforazione del personale, quali l'ispezione dell'area attorno al carro prima dello spostamento, l'inclinazione del palo da taglio, l'occlusione del foro, ecc. Le varie configurazioni possono essere completate più rapidamente poiché le attività di perforazione vengono controllate a distanza. I compiti del perforatore sono ridotti, il che gli consente di gestire più carri contemporaneamente, sia che le attrezzature facciano parte dello stesso progetto o si trovino in cave separate. Questa modalità di lavoro è già stata implementata in un progetto canadese, dove i perforatori gestiscono due carri dalla stessa unità di controllo in teleremoto. In una miniera australiana, un perforatore gestiva un carro di perforazione Pit Viper di Atlas Copco dalla sua unità operativa a distanza, a 1.347 km (837 miglia) dall'impianto. In teoria, è possibile controllare un carro a distanza posizionando la relativa unità di controllo ovunque nel mondo. Prima di tutto Minntac voleva capire in che modo i suoi perforatori più esperti si sarebbero adattati a questa nuova modalità di lavoro, che non prevede la loro presenza fisica sul campo. “Ci aspettavamo un atteggiamento di chiusura,” ha spiegato Luoma. “Ma, a dire il vero, i nostri perforatori sono stati entusiasti”.

Il perforatore di Minntac, Casey Sunsdahl, non ha avuto nessun problema di adattamento, nonostante all'inizio avesse qualche timore. “I perforatori imparano a fare il loro lavoro in base all'esperienza” ha affermato. “Alla fine, iniziano a fare affidamento sulle loro intuizioni e sui rumori, quindi non sanno bene cosa aspettarsi quando non possono sfruttare queste sensazioni. Anche io, all'inizio, ero piuttosto preoccupato. Quando la punta si inceppa, la batteria inizia a muoversi. Se ti trovi sul carro te ne accorgi. Ma ho capito subito che le videocamere e i vari misuratori sostituiscono perfettamente queste sensazioni”. La miniera ha dedicato due settimane al periodo dimostrativo, concedendo a ogni perforatore tre giorni per gestire il proprio carro di perforazione a diesel Pit Viper 351 dall'unità a distanza. Nonostante l'unità teleremota fosse stata presa in prestito da un'altra miniera che l'aveva personalizzata in base alle sue esigenze, il sistema è compatibile con carri di altri modelli ed è stato adattato al PV-351 in uso a Minntac senza alcun problema. Sunsdahl ha detto che la perforazione in teleremoto potrebbe addirittura aver rinfrescato le sue abilità. “Con questa nuova tipologia di lavoro, diventa assolutamente necessario fare maggiore affidamento sui misuratori. Ma non è una novità. Anche prima bisognava farlo. Se volessi fare un confronto, potrei dire che prima davo un'occhiata ai misuratori per avere un secondo parere in merito a ciò che io ritenevo stesse accadendo. In teleremoto, i misuratori sono essenziali e non ausiliari”. “Guardate che visuale offrono queste videocamere”. Sunsdahl ha ingrandito la batteria di perforazione fino a che il tubo rotativo non ha praticamente riempito lo schermo. “Di certo, dalla cabina del carro non si vede così bene”. Poi, dalla batteria di perforazione è passato alla testa di rotazione. “E dalla postazione in cabina non si vede nemmeno la cima della torre”. Ha fatto una panoramica del carro e poi di tutti i gradoni. “Posso guardare in tutte le direzioni e accertarmi che non ci sia davvero nessuno nella zona. Possono vedere ogni eventuale ostacolo prima di mettere in funzione il carro”.

Scarica l'articolo per leggere la storia completa

  • Pit Viper Automation.pdf 389.4 kB, PDF