Il killer dei costi del carburante del Queensland

La società mineraria DDQ del Queensland, Australia, ha ridotto drasticamente i costi del carburante dopo aver aggiunto un nuovo carro di perforazione a rotazione Pit Viper 235 di Atlas Copco alla sua flotta. Il segreto è la frizione.

Nigel De Veth, proprietario di DDQ, è felice di tutti i vantaggi apportati dal Pit Viper 235, compresi i ridotti consumi di carburante.

Circa 75.000 dollari in tre mesi. 1.000 litri ogni 24 ore. Mezzo milione di dollari all'anno… è questa l'entità del risparmio in termini di carburante di cui sta usufruendo la società mineraria australiana Deveth Drilling Queensland (DDQ) dopo aver aggiunto un nuovo carro di perforazione alla sua flotta. DDQ sta traendo enormi vantaggi dagli eccezionali risparmi resi possibili dal carro a rotazione Pit Viper 235 di Atlas Copco e, a sua volta, li sta passando al suo cliente, la New Hope Corporation, e alla sua miniera di carbone New Acland. Nigel De Veth, proprietario e fondatore di DDQ, afferma: “Solo nei primi tre mesi la miniera ha risparmiato 75.000 dollari australiani di carburante, e si trattava di un periodo di prova, per introdurre la macchina nel ciclo di lavoro. Il risparmio potenziale ammonta a oltre 1.000 litri ogni 24 ore, quindi ci avviciniamo al mezzo milione di dollari all'anno”. I bassi consumi di carburante sono stati il fattore decisivo che ha portato la società a scegliere di acquistare il PV-235. De Veth aggiunge: “Adesso arriviamo circa a 50-55 litri all'ora con questo carro e ciò che contribuisce maggiormente a questo risultato è la tecnologia della frizione a bagno d'olio sul compressore”.

Il pulsante del risparmio

La frizione automatica idraulica (per la quale è stata presentata domanda di brevetto) è una caratteristica eccezionale di questo carro ad azionamento idraulico, che può essere configurato per eseguire diverse operazioni di perforazione DTH e a rotazione. “Con il PV-235 non avrete aria, a meno che non la chiediate. Quindi, se vi serve aria per la perforazione, basta premere il pulsante per azionare la frizione e di conseguenza il compressore. Quindi, il compressore viene usato solo quando lo si vuole usare,” spiega De Veth. Continua: “Atlas Copco ha sostituito tutti gli ingrassatori delle aste e ad aria, ecc., con pompe elettriche il cui funzionamento non si basa sull'aria. Nessun componente della macchina dipende dall'aria, a parte la punta di perforazione”. DDQ lavora presso la miniera di carbone di New Acland da circa quattro anni, dove ha introdotto il PV-235 in febbraio 2012, principalmente per perforazioni di fori di grande diametro da 229 mm fino a una profondità di 50 m. “Il risultato migliore che abbiamo ottenuto fino ad oggi è di 1.200 metri in 10 ore e credo che riusciremo a fare ancora meglio,” dice De Veth. “I ragazzi si sono appena abituati alla nuova macchina e siamo appena agli inizi. Probabilmente, grazie alle nuove attrezzature, riusciremo a fare 10 metri in più all'ora”.

L'efficienza del compressore e di altre funzioni di questo carro ad alto contenuto tecnologico dipende dal sistema RCS (Rig Control System) di Atlas Copco. Grazie a questo, vengono semplificate diverse funzioni, tra cui lo spostamento in remoto tramite wireless, il livellamento e la perforazione automatica, le funzioni di reportistica a distanza e la navigazione GPS. Tra gli altri fattori che hanno portato De Veth a fidarsi e ad affidarsi al Pit Viper vi è la capacità di perforazione a passo singolo. “Solo il fatto di poter realizzare un foro unico e pulito di 12,2 m con l'asta pilota è estremamente vantaggioso per noi con alcune delle graniglie nell'interburden,” dice. “Il nuovo sistema di breakout di cui dispone la macchina è davvero incredibile, migliore di qualunque cosa abbia mai visto prima. Il carro funziona in modo molto più veloce e regolare.” Ma c'è un altro vantaggio importante, aggiunge De Veth. “Gli operatori non si stancano. Tutto è facilmente accessibile e raggiungibile dalla propria postazione quindi, quando si scende dal carro, si è ancora freschi e attivi. Questo aspetto è molto importante per quanto riguarda i turni di notte”. Oltre al PV-235, la flotta delle macchine destinate alla perforazione si compone di due carri DM25, un DML HP e due PV-275 più grandi, consegnati nel 2013. Atlas Copco ha fornito più di una dozzina di carri Pit Viper a clienti nel Queensland, tutti dotati del sistema di controllo computerizzato RCS.