Tra il carbone dell'Indonesia

9 giugno 2016

La maggior parte dei carri di perforazione per fori di grande diametro in Indonesia viene utilizzata nel settore del carbone, e la miniera di Prima Sarana Gemilang ne è un esempio tipico. Ubicata sull'isola di Kalimantan, la miniera dispone di carri DML e DM45 di Atlas Copco sul sito e, di recente, alla flotta si è unito l'aggiornato DM30 II. Secondo il contrattista di perforazione Nariki Minex Sejati, questa nuova aggiunta ha aumentato la flessibilità garantendo una scelta più ampia di fori nel range 171 mm – 200 mm (6,5–7,8 pollici). Jerry Murthi, proprietario di seconda generazione di Nariki, spiega: “Il terreno a Kalimantan non è molto compatto e per romperlo è sufficiente un colpo ben assestato”. Sostiene che la capacità di 200 mm del nuovo DM30 II permette alla sua società di realizzare fori più grandi e configurazioni di dimensioni soddisfacenti, ma anche fori più piccoli ove necessario. Nariki opera in circa 15 miniere nel paese e Murthi afferma che il successo dell'azienda si basa sullo “svolgere attività di perforazione usando le giuste attrezzature per offrire alla miniera le opzioni più efficienti”. La società dispone di carri più grandi ma non ha quasi mai bisogno di praticare fori da 228 mm (8 pollici) o più.

““Noi perforiamo prevalentemente con un burden di 7–8 m e un'interdistanza di 8–9 m. Il DM30 II è facilissimo da manovrare. Avere un carro di perforazione che, grazie alle sue dimensioni, offre più opzioni è un vantaggio per la miniera e un aiuto alla pianificazione delle attività”.”

Jerry Murthi, second generation owner of Nariki

Per la perforazione a rotazione, il DM30 II ha un compressore più potente che eroga 29,7 m3/min a 7,5 bar, rispetto ai 25,4 m3/min a 7,6 bar del DM30. Nella miniera ci sono due cave e, prima che iniziassero le attività di perforazione, sono state svolte operazioni di taglio per rompere le formazioni argillose e di arenaria. La roccia è abbastanza dura per cui il brillamento porta a scavi più produttivi. La roccia si rompe bene con un burden da 8 o 9 m e interdistanza che va dai 9 ai 10 m. Handik Setiawan e Jos Bernadus Manulang, supervisori delle attività di perforazione e brillamento, spiegano che stanno ancora regolando la configurazione in base alle variazioni della roccia tra argilla e arenaria. Inoltre, hanno a che fare con uno strato di corallo nella Cava 1 che riduce la produttività da una media di 56 m all'ora fino a 40 m. Grazie all'uso del DM30 II, la Cava 2 produce in media 48 m all'ora.

I giacimenti in produzione qui sono otto. Le attività di perforazione in genere vengono svolte per 10 ore al giorno, anche se le operazioni di estrazione continuano 24 ore su 24, in due turni. I gradoni in entrambe le cave sono alti 8 m. Il carbone si trova a un'inclinazione di 30 gradi in giacimenti il cui spessore varia tra i 5 e i 30 m. Nella Cava 2 il carbone ha 5.800 kcal mentre nella Cava 1 il valore sale a 6.000 kcal. Anche se il carbone nella Cava 2 è di qualità inferiore, i giacimenti in genere sono più spessi e le attività estrattive facili da eseguire. Mensilmente, la Cava 1 produce 700.000 tonnellate mentre la Cava 2 produce 300.000 tonnellate. Il rapporto di strippaggio è 7 a 1. Le attività estrattive sono iniziate a un'altezza di 90 metri e, attualmente, sono a 20 metri slm. Le attività esplorative continuano, per determinare la profondità totale della formazione di carbone. La miniera opera su un piano di scavi quinquennale, che comprende l'apertura di una terza cava.

Testimonianze dei clienti