Due carri di perforazione Pit Viper raggiungono la flotta di Kevitsa in Lapponia

31 gennaio 2015

La miniera di Kevitsa nella Lapponia finlandese, 130 km all'interno del Circolo Polare Artico, continua a svilupparsi grazie alle attrezzature Atlas Copco. Tra gli acquisti più recenti compaiono due carri di perforazione Pit Viper 271 che sono ora in pieno funzionamento.

Questi carri di perforazione alimentati elettricamente sono i primi nel loro genere in Finlandia e vanno a inserirsi in una flotta di carri di superficie Atlas Copco che comprende unità SmartROC D65 e FlexiROC D65, già operativi presso il sito. La miniera di Kevitsa, complesso di rame, nichel, oro e platino, è di proprietà della società First Quantum Minerals ed è in produzione dal 2012. Oggi produce 20.000 tonnellate di rame e 10.000 tonnellate di nichel all'anno. I carri Pit Viper sono veramente imponenti, per usare un eufemismo. Con i loro 26 m di altezza in posizione di perforazione e i 25 m di lunghezza in posizione di trasporto, i loro unici rivali in termini di dimensioni sono i giganteschi escavatori da miniera, che sono i più grandi in Europa. Questi carri sono in grado di eseguire perforazioni a passo singolo di fori di grande diametro da 171-250 mm a una profondità massima di 16,8 m. A Kevitsa, il loro compito è quello di praticare fori a fondo pozzo da 225 mm, fino a una profondità di circa 14 m.

“Si tratta di carri robusti e sono la scelta ideale per Kevitsa. La fase di avviamento ha avuto successo, i vari componenti sono arrivati in tempo e il lavoro è stato molto ben pianificato da Atlas Copco”

David Haataja, Caposquadra della miniera

Semplicità di utilizzo e tecnologia all'avanguardia

Haataja osserva che il controllo dei cavi è un fattore critico quando si ha a che fare con apparecchiature azionate elettricamente ma per la serie Pit Viper 270 questo è caratterizzato da "semplicità di utilizzo e tecnologia all'avanguardia". Il cavo viene controllato tramite telecomando e rimane strettamente attorno alla bobina. Atlas Copco ha formato gli operatori di Kevitsa e il personale di servizio, sia prima dell'arrivo del carro in miniera utilizzando i simulatori di Pit Viper, che sui carri stessi.

“Siamo lieti di aver ricevuto i Pit Viper a Kevitsa. Il ruolo che svolgono è fondamentale per raggiungere grandi volumi di produzione. I carri elettrici consentono un notevole risparmio economico rispetto a quelli a carburante, e non bisogna sottovalutare nemmeno i benefici ambientali.”

Wyatt Buck, Direttore operativo, First Quantum Mining

Anche gli utensili per la perforazione da roccia della gamma Atlas Copco Secoroc vengono utilizzati in questa flotta di perforazione, compreso COPROD, utilizzato dal subappaltatore E. Hartikainen Oy insieme a un FlexiROC D65. Il servizio di assistenza e manutenzione è gestito da una squadra di Atlas Copco composta da sette tecnici. Oltre ai carri di perforazione, la miniera di Kevitsa usa anche i demolitori, le torri faro, i generatori e i compressori portatili di Atlas Copco.