Lavorare in modo più intelligente, migliorarsi continuamente, aumentare le competenze

10 dicembre 2015

Boliden Tara Mines è senza dubbio un esempio dell'impatto positivo che la formazione sistematica degli operatori delle attrezzature e del personale addetto alla manutenzione può avere sull'efficienza. La soddisfazione è talmente elevata che la formazione è diventata un elemento fondamentale della strategia aziendale.

Boliden Tara Mines a Navan, Irlanda, ha prodotto piombo e zinco per quasi 40 anni, e negli ultimi tempi ha affrontato molte delle sfide classiche di una miniera in sotterraneo profonda più vecchia. Rendendosi conto che era necessario adattare le operazioni per affrontare tali sfide, il team addetto alla gestione ha preso due principali decisioni strategiche. Il primo passo è stato quello di ristrutturare l'organizzazione con il "concetto di una sola miniera", invece del precedente concetto di tre aree, ciascuna delle quali con il proprio team autonomo. Il secondo è stato quello di potenziare il programma di formazione del personale al fine di migliorare le competenze, lavorare in modo più intelligente e creare un clima di continuo miglioramento. Atlas Copco, che fornisce Boliden Tara Mines con attrezzature per attività minerarie, è stata scelta anche come partner nello sviluppo della formazione. Mike Lowther, manager del settore, sostiene che la nuova direzione è stata fondamentale per massimizzare efficienza e flessibilità. "Più si interveniva in profondità nella miniera, più difficile era la logistica", afferma. "Non possiamo fare nulla per i tassi di cambio, i prezzi dei metalli o la qualità dei giacimenti, ma possiamo controllare il livello di efficienza della nostra industria mineraria e i nostri costi. La mineralizzazione si riduce solo ai minerali, diventa qualcosa di più se l'estrazione è proficua - per la trasformazione in minerale, la miniera deve essere economicamente redditizia."

“Più si lavora in profondità in una miniera, più difficile diventa la logistica.”

Mike Lowther, Manager of Mining Boliden Tara Mines

Attenzione posta sulla multi-competenza

Nel corso degli anni, il team addetto alla gestione della miniera ha sottolineato l'importanza di migliorare le competenze e ha lavorato a stretto contatto con i sindacati dei minatori per raggiungere questo obiettivo. Questo impegno è passato ora ad una fase più intensiva per cui un crescente gruppo di operatori con competenze trasversali e il personale addetto alla manutenzione partecipano al programma di formazione con simulazione dei carri di perforazione di Atlas Copco. Le competenze trasversali si concentrano sulla formazione dei minatori per l'azionamento di gruppi di macchine con funzioni simili, quali i bullonatori e i carri di perforazione per la produzione nel sottosuolo di Atlas Copco. Il primo programma di formazione si è tenuto nel 2013 ed è stato un successo immediato. Il secondo si è svolto all'inizio di quest'anno, e anche qui i risultati sembrano aver avuto un impatto ancora più forte sulle operazioni. Per la preparazione del corso del 2015, la miniera e Atlas Copco hanno dato vita ad un forte team di progetto guidato da Seán Gilmore, Training Coordinator presso le Boliden Tara Mines, supportato da Damien Healy, Service Manager di Atlas Copco in Irlanda. Gilmore ha assunto il ruolo fondamentale di Simulator Training Planner, assicurandosi che tutti i preparativi fossero completati prima della consegna del simulatore. Inoltre sono stati ricevuti forti backup dalle sezioni IT ed elettriche della miniera. Con solo quattro settimane di tempo dall'avvio all'attuazione, il processo è stato intenso. Tutti i partecipanti dovevano essere registrati nel sistema e nel software di formazione del simulatore, dovevano essere configurati gli account di posta elettronica, l'area di formazione in superficie e, soprattutto, la pianificazione doveva tenere conto delle ferie dei partecipanti e dei turni di lavoro per raggiungere l'obiettivo di 24 artigiani e 24 operatori dei carri di perforazione da formare per le competenze trasversali. Ha partecipato un totale di 56 persone, un numero maggiore rispetto alle 32 del 2013. Una volta stabilita la programmazione, Mike Hall, responsabile dei turni presso la miniera è stato nominato NPIC (Nominated Person in Control) per il progetto del 2015. Il ruolo di Hall consisteva nel garantire il completamento delle valutazioni di rischio per la preparazione e l'installazione del simulatore nel sito, comunicare la pianificazione a ciascun partecipante e coordinarsi con il formatore Atlas Copco. Il programma includeva una formazione introduttiva su computer e la formazione dell'operatore sul simulatore, in base alle competenze già acquisite. I partecipanti con grande esperienza del carro di perforazione hanno potuto affinare le loro competenze, mentre gli operatori alle prime armi nelle competenze trasversali hanno compreso il funzionamento dei carri su computer. La formazione basata su computer era incentrata sui seguenti cinque moduli, ciascuno con dieci categorie: • Perforazione sotterranea • Meccanica delle rocce • Perforazione fondo foro (ITH, In The Hole) • Utensili di perforazione delle rocce • Manutenzione e revisione. Per superare i diversi livelli di formazione è richiesto un tasso di successo dell'80%. I partecipanti hanno dedicato dalle tre alle quattro ore allo studio di argomenti quali vuoti, crepe, durezza delle rocce e altro, e di problemi comuni relativi alla meccanica delle rocce, alla rotazione della slitta e all'impatto. Hanno inoltre appreso come rispondono i misuratori al mutare della meccanica delle rocce e, quindi, l'impatto sull'apparecchiatura. Come un operatore ha commentato: "È stato interessante conoscere le nozioni di base sugli utensili di perforazione delle rocce, oltre a sapere perché e quando utilizzare le diverse perforatrici."