Gli svedesi mettono alla prova la benna GET Scooptram aggiornata

7 giugno 2015

Con gallerie strette e una combinazione impegnativa di minerali su cui operare, la miniera di Lovisa in Svezia ha rappresentato il terreno di prova ideale per la GET aggiornata: una nuova benna Scooptram con funzioni più intelligenti e più durature.

GET system - side view

Le benne montate sui veicoli LHD svolgono un compito gravoso nel settore minerario in quanto vengono ripetutamente immerse in cumuli di smarino con una forza enorme. Ulteriori ricerche su come renderle più forti e durevoli sono le benvenute nelle miniere, come dimostrato durante una recente prova sul campo in Svezia. Lanciata per la prima volta nel 2010, la benna GET è dotata di un sistema con materiali d'usura flessibili. Il progetto di aggiornamento ha incluso una serie di obiettivi chiave: migliorare la penetrazione nel cumulo di smarino, prolungare la vita di esercizio della benna, semplificare i processi di riparazione, aumentare la produttività, ridurre i tempi di fermo macchina e i costi totali di proprietà. In un periodo di prova di 18 mesi, la benna GET è stata messa in funzione in un ambiente difficile, la miniera di Lovisa, o Lovisagruvan, un sito di zinco e piombo vicino alla città di Lindesberg.

“Quasi mai si sono verificati tempi di fermo macchina sulla caricatrice al momento del cambio della benna, questo è il primo buon segno”

Jan-Erik Björklund, General Manager, miniera di Lovisa

La miniera di Lovisa si trova in una regione ricca di minerali del paese di Bergslagen, a nord del lago Mälaren, che ha una lunga tradizione nel settore dell'estrazione dei metalli. La produzione annua è di 100000 tonnellate di zinco e piombo, compreso il materiale roccioso di scarto.

Gallerie strette, rampe elicoidali

A causa delle gallerie strette della miniera, larghe appena 3,5 m, il carico e il trasporto è la parte più sensibile del ciclo di produzione. I veicoli LHD inoltre devono affrontare anche curve strette su tutte le rampe. Un'altra sfida è la miscela di minerali di zinco e piombo, con piccole quantità di argento, che può essere difficile da pulire. Ecco perché la miniera di Lovisa si è dimostrata il luogo ideale per testare la benna GET aggiornata.

“Il nostro Scooptram ST7 solitamente sposta la maggior parte dello smarino in quattro ore. Ciò corrisponde a circa 160 tonnellate di roccia brillata in ogni turno”

Jan- Erik Björklund, General Manager, miniera di Lovisa

Le benne vengono svuotate direttamente sugli autocarri di trasporto in corrispondenza di banchine di carico, distanti 80–100 m. Vengono trasportate circa 400 tonnellate di smarino ogni giorno. Inoltre la roccia sterile viene riportata nel sottosuolo per riempire i vuoti brillati.

Durata più lunga del 30–40%

La benna GET è stata progettata per resistere a usura estrema. Il sistema dei nuovi materiali d'usura montato sul bordo della benna garantisce una maggiore penetrazione nei cumuli di smarino, come osservato durante il test dall'operatore Peter Johansson.

“"Siamo rimasti sorpresi nel vedere che praticamente non vi erano segni di usura dopo sei mesi. Questa è una differenza enorme rispetto alla benna precedente, dove i bordi si usuravano più rapidamente. Doveva essere riparata molto prima", afferma. "Inoltre, era facile capire quando la vecchia benna si stava usurando, poiché la penetrazione nei cumuli di smarino era più lenta. Ciò non è accaduto con la nuova GET".”

Peter Johansson, Operatore

La migliore penetrazione della benna è il risultato di una composizione dell'acciaio più robusta utilizzata nella fabbricazione. Ciò ha inoltre comportato una vita di esercizio più lunga, registrata con un miglioramento del 30-40% durante il test.

Parti di servizio rimovibili

A differenza delle benne tradizionali, il bordo inferiore della benna, che tocca per primo il cumulo di smarino, è stato diviso in segmenti rimovibili. Ciò significa che le riparazioni possono essere effettuate su parti specifiche, ad esempio le protezioni angolari, offrendo vantaggi in termini di costi poiché non è più necessaria una revisione completa. Secondo Stefan Nordqvist, che ha più di 20 anni di esperienza di caricamento, la manutenzione è ora "una questione di ore anziché giorni".

“Sulla benna GET possiamo cambiare le pinze laterali e riportare in funzione la caricatrice in meno di un'ora. Non è più necessaria la saldatura, e questo è un grande sollievo.”

Stefan Nordqvist, Operatore

La maggior parte delle miniere hanno compreso i vantaggi offerti dall'uso del sistema GET secondo Johannes Turesson, Product Manager, Atlas Copco: "La sostituzione delle parti imbullonate soggette a usura richiede pochissimo tempo rispetto alle parti saldate", dichiara.

Leggi l'articolo completo

Pale caricatrici diesel