Atlas Copco lancia 6th Sense, il percorso digitale per l'integrazione completa dei sistemi in miniere, cave e gallerie.

4 ottobre 2017

Automazione e digitalizzazione sono il futuro dell'industria mineraria. Ma l'automazione non riguarda solo le macchine con comando a distanza. Atlas Copco offre prodotti connessi in modo intelligente e, grazie al nuovo concetto 6th Sense, determina un notevole passo in avanti per la connessione di tutti i sistemi. "Stiamo avanzando a grandi passi sul percorso digitale per l'integrazione dei sistemi in miniere, cave e gallerie. Con 6th Sense, sarete in grado di migliorare la vostra attività in modo completamente nuovo", afferma Olav Kvist, Vice President Mining Technology.

Immaginate il complesso delle vostre operazioni funzionare in perfetta armonia, con tutti i sistemi collegati. Come un enorme banco di pesci, nel quale tutte le informazioni necessarie sono comunicate e condivise in tempo reale. Con movimenti senza collisioni e una sincronizzazione perfetta, come un unico organismo. 6th Sense rende possibile tutto questo.

Maggiore sicurezza, prevedibilità e produttività "6th Sense, spiega Olav Kvist, si basa sull'interoperabilità, l'analisi avanzata dei dati e un processo di lavoro che ci consente di aiutare i nostri clienti a compiere i giusti passi verso il miglioramento delle operazioni. Ogni piccolo passo consente di raggiungere gli evidenti vantaggi di 6th Sense: maggiore sicurezza, maggiore prevedibilità e maggiore produttività." Collaborazione Con 6th Sense, Atlas Copco integra attrezzature, servizi e automazione con sistemi avanzati di analisi e di gestione. Per poter fare questo, Atlas Copco sta investendo sia a livello interno sia nella collaborazione con partner esterni. Aggiunge Kvist: "Non siamo soli, stiamo sviluppando collaborazioni e partnership strategiche con diverse aziende che garantiscono l'eccellenza in termini di prestazioni e capacità".

Oggi Atlas Copco desidera annunciare nuove partnership e collaborazioni con Mobilaris MCE, Dassault Systèmes e IBM. Grazie alla visione condivisa dell'automazione di questo gruppo di partner, Atlas Copco continuerà a lungo a essere al fianco dei propri clienti per il raggiungimento di una maggiore sicurezza, prevedibilità e produttività.

Percorso digitale 6th Sense Attualmente, i clienti hanno diversi livelli di produttività e sono alla continua ricerca di nuovi modi per migliorare la propria attività. Qui entra in gioco Atlas Copco con il suo percorso digitale 6th Sense, un elemento chiave per soddisfare le esigenze specifiche dei clienti. Joe Farrugia, Vice President Global Technology Operations, spiega: "La cosa fondamentale è che molti possono adottare provvedimenti significativi sulle proprie attrezzature esistenti." 6th Sense può essere definito su quattro livelli: funzione della macchina, autonomia della macchina, autonomia del processo e integrazione del sistema. In breve, i livelli possono essere descritti nel modo seguente. Funzione della macchina Il primo livello, la funzione della macchina, consiste nell'assistere l'operatore tramite funzioni automatizzate della macchina. I sistemi di monitoraggio facilitano l'accesso e la raccolta dei dati, mentre i sistemi di controllo forniscono assistenza all'operatore migliorando il valore della macchina in uso. Autonomia della macchina Il livello successivo, l'autonomia della macchina, prevede l'automazione completa della macchina e il comando a distanza di una o più macchine contemporaneamente. La capacità massima dell'attrezzatura risulta ottimizzata non dovendo adattarsi ai normali orari del personale. Inoltre, autonomia significa che la macchina funziona nel rispetto delle proprie specifiche, aumentando la durata e riducendo l'usura rispetto all'utilizzo manuale. Automazione di un intero processo Il terzo livello, l'autonomia del processo, si ha quando le macchine iniziano a essere connesse dal punto di vista del lavoro. Questa è l'automazione dell'intero processo, con le varie macchine e attrezzature in comunicazione tra loro, posizionamento in tempo reale integrato nella pianificazione e sistemi di supporto decisionale. Ad esempio, la completa interoperabilità in un processo con cicli di perforazione e sparo. Interoperabilità di interi sistemi Il livello finale e più alto, l'integrazione del sistema, è l'integrazione completa di processi e sistemi sull'intera catena del valore. Questo include strumenti di analisi avanzata, gestione del traffico, gestione totale delle risorse e gestione di tutte le operazioni.


Per ulteriori informazioni, contattate:


Comunicato stampa Automazione Notizie