Richiesta d’aria oil-free per la Great Bubble Barrier in un condotto d’acqua olandese - Atlas Copco Italia
Atlas Copco Italia - Specialty Rental
Le nostre soluzioni
Utensili e Soluzioni Industriali
Soluzioni
Industrie nostre clienti
Utensili e Soluzioni Industriali
Power Technique
Soluzioni
Prodotti
Power Technique
Sistemi di accumulo di energia
Compressori
Soluzioni
Prodotti
Compressori
Prodotti e soluzioni
Soluzioni
Trapani
Prodotti e soluzioni
Sistemi di accumulo di energia

Richiesta d’aria oil-free per la Great Bubble Barrier in un condotto d’acqua olandese

6 febbraio 2020

Quando pensiamo alle cortine di bolle, la prima cosa che ci viene mente sono delle ampie applicazioni offshore. Tuttavia le possibilità non si limitano alla vastità degli oceani. La Great Bubble Barrier utilizza lo stesso concetto ma su scala più ridotta e lo applica ai condotti d’acqua locali, offrendo una soluzione intelligente all’inquinamento della plastica.

La plastica non è così fantastica

I rifiuti della plastica non sono un qualcosa che troviamo solo dall’altra parte del mondo o nell’oceano. Sono presenti anche nei corsi d’acqua locali e diventano enormemente nocivi per l’ambiente e per gli esseri umani. Gli animali acquatici rimangono intrappolati nella plastica, le microplastiche rappresentano un rischio per la salute degli organismi più piccoli e più grandi e le navi subiscono enormi danni. Numerose istituzioni mondiali come le Nazioni Unite, la Fondazione Ellen McArthur e l’Organizzazione mondiale della Sanità riconoscono la pericolosità sempre più crescente di questo problema.

La Great Bubble Barrier ha progettato una soluzione che intercetta le plastiche nei fiumi e nei canali prima che arrivino all’oceano.

Per larga parte, il modo in cui la Great Bubble Barrier utilizza la barriera di bolle è simile a quello dei progetti offshore. Tuttavia, esistono delle differenze. Ad esempio, la barriera è posizionata diagonalmente nel condotto d’acqua, consentendo di utilizzare la corrente naturale per guidare la plastica nel sistema di raccolta che si trova a riva. Sia le navi che i pesci possono attraversare la barriera di bolle, la plastica invece viene trattenuta. Oltre a catturare i detriti, la barriera di bolle produce altri effetti positivi. Con la barriera di bolle aumenta il livello di ossigeno nell’acqua, che stimola l’ecosistema e arresta la crescita dell’alga blu tossica.

Via alle bolle

Per la realizzazione della cortina di bolle, Atlas Copco Rental ha installato un compressore oil-free con azionamento elettrico. I vantaggi apportati da questa soluzione a basso consumo di energia sono l'avvio rapido e la bassa rumorosità durante il funzionamento.

Per ragioni ambientali, dal momento che l'aria entra a contatto diretto con l’acqua, la funzione oil-free è fondamentale. Non deve esistere il rischio di inquinamento dell’olio nell’ambiente. Anche tracce minime potrebbero permanere a lungo e avere effetti nocivi sulla vita marina locale.

Atlas Copco Rental è orgogliosa di essere stata coinvolta nella storia fantastica della Great Bubble Barrier!

Per saperne di più, visitate il loro sito Web!

Per ulteriori informazioni, contattare:

In Atlas Copco trasformiamo idee industriali in vantaggi per le aziende fin dal 1873. Dando ascolto ai nostri clienti e conoscendo a fondo le loro esigenze, creiamo valore e innovazione tenendo ben in mente il futuro.

Le grandi idee rafforzano lo sviluppo sostenibile. In Atlas Copco Specialty Rental collaboriamo con i nostri clienti per installare soluzioni temporanee all'avanguardia per aria, portata, vapore e azoto. I nostri esperti hanno conoscenze approfondite delle applicazioni e delle attrezzature. Comprendiamo le esigenze dei nostri clienti e siamo in grado di fornire una soluzione totale per qualsiasi settore industriale, sia in casi di emergenza sia per progetti programmati. Siamo una divisione della business area Power Technique, con sede a Boom, in Belgio, e offriamo soluzioni di noleggio specializzate con diversi marchi in tutto il mondo.