Our solutions
Compressori d'aria
Solutions
Prodotti
Compressori d'aria
Apparecchiature accessorie per impianti gas medicale
Gamma di soluzioni industriali per il trattamento della condensa
Prodotti
Gamma di soluzioni industriali per il trattamento della condensa
Gamma di soluzioni industriali per il trattamento della condensa
Gamma di soluzioni industriali per il trattamento della condensa
Gamma di soluzioni industriali per il trattamento della condensa
Process Gas and Air Equipment
Utensili e Soluzioni Industriali
Solutions
Industrie nostre clienti
Utensili e Soluzioni Industriali
Industrie nostre clienti
Industrie nostre clienti
Industrie nostre clienti
Industrie nostre clienti
Industrie nostre clienti
Industrie nostre clienti
Utensili e Soluzioni Industriali
Utensili e Soluzioni Industriali
Vacuum solutions

Mi occorre un compressore oil-free o uno lubrificato?

How-To Compressor Types Compressed Air Wiki Choosing an Air Compressor Compressors

Una volta stabilite la tipologia e le dimensioni del compressore occorre rispondere a un'ultima domanda, vale a dire se sia opportuno scegliere un compressore dell'aria lubrificato con olio oppure oil-free. Per non complicare eccessivamente la risposta, la scelta deve basarsi sull'applicazione e sul processo cui è destinata l'aria compressa.

Mi occorre un compressore oil-free?

ti occorre un compressore oil-free o uno lubrificato? Scoprilo.

Il primo passo per la scelta di un compressore consiste nel valutare le esigenze dell'impianto in cui il medesimo viene utilizzato. Vi sono casi in cui le conseguenze dell'eventuale contaminazione da olio sono troppo gravi, ed è pertanto imprescindibile utilizzare un compressore d'aria oil-free. La maggior parte delle officine di produzione industriali e di piccole dimensioni utilizza tuttavia compressori a iniezione di olio, in quanto le conseguenze della contaminazione da olio non sono gravi come nel caso, ad esempio, degli impianti per la produzione degli alimenti. Nei compressori dell'aria, l'olio viene utilizzato per scopi di lubrificazione e tenuta, nonché per raffreddare l'aria compressa.

Se non vi sono esigenze pressanti di aria compressa oil-free, il modo più economico di procedere consiste nel selezionare un'unità lubrificata con olio, come un compressore a vite a iniezione di olio, in quanto il costo dei compressori oil-free è nettamente più alto. Anche se nell'aria compressa sono presenti tracce di olio, è possibile eliminarle più a fondo utilizzando opportuni prodotti per aria di qualità. I filtri a coalescenza sono in grado di pulire l'aria compressa dai contaminanti con dimensioni massime di 0,01 micron, ed è possibile spingersi anche oltre aggiungendo un filtro ai carboni attivi per avvicinarsi ai livelli di purezza dell'aria della Classe 1.

Quali sono le varie classi di purezza dell'aria?

I compressori d'aria oil-free trovano impiego nella realizzazione di una vasta gamma di prodotti sensibili, dai semiconduttori ai farmaci e alla carta. In tali applicazioni, anche la più piccola traccia di olio può avere effetti negativi sui prodotti, nonché sulle persone. Per indicare che un compressore soddisfa determinate norme, si utilizzano spesso le indicazioni Classe 0 e "tecnicamente oil-free". Pur essendo simili, tali espressioni implicano alcune differenze chiave, ignorando le quali si può incorrere in conseguenze inattese.


Per meglio comprendere tutti questi aspetti, esaminiamo con maggiore attenzione il significato del termine "oil-free" che, al pari dell'espressione "senza olio", viene utilizzato per descrivere i compressori che non utilizzano alcuna lubrificazione nella camera di compressione. Mentre i primi due termini descrivono una tipologia di compressori, le indicazioni Classe 0 e "tecnicamente oil-free" denotano il livello di pulizia dell'aria dopo la compressione. Fra le due indicazioni vi sono differenze di rilievo, illustrate nel seguito di questo articolo.


L' Organizzazione internazionale per la standardizzazione (ISO, International Standardization Organization) definisce norme valide a livello mondiale per finalità proprietarie, industriali e commerciali. L'aria compressa è oggetto di una serie specifica di norme ISO. A seconda della purezza finale dell'aria (definita dal numero di particelle per metro cubo in funzione delle loro dimensioni), i compressori possono essere assegnati alle classi ISO da 0 a 5. La versione originale (1991) delle norme ISO relative alla purezza dell'aria era "redatta da e per" i produttori di filtri. Essa definiva cinque classi di concentrazione dell'olio, la migliore delle quali era la Classe 1.


 


Classe 1 ISO - Aria tecnicamente oil-free


La Classe 1 prescrive una concentrazione di olio non superiore a 0,01 mg/m3 a 1 bar(a) / 14,5 psia e 20 °C (68 °F); la conformità a tali criteri è indicata a volte con l'espressione "soluzione tecnicamente oil-free". Le norme in questione, tuttavia, sono state modificate nel 2001 e ulteriormente aggiornate nel 2010. Quelle attualmente in vigore pongono dei limiti sul contenuto totale di olio (sotto forma di aerosol, liquido e vapore), ed è stata introdotta una norma specifica sulla misurazione del vapore di olio. 


 


Classe 0 ISO - Aria oil-free 


È stata aggiunta una nuova classe ISO (Classe 0), che copre i requisiti di qualità più rigorosi, corrispondenti alla scelta più pulita e in grado di garantire aria oil-free al 100%. Nel settore circolano affermazioni fuorvianti, che promuovono compressori lubrificati con olio e dotati di filtri, definendoli "tecnicamente oil-free"; secondo tali affermazioni, la qualità dell'aria in questione è spesso migliore di quella di un compressore oil-free. Si tratta tuttavia di affermazioni false, e il loro uso nei casi in cui è richiesta aria della Classe 0 può dare luogo a danni accidentali ad attrezzature o prodotti sensibili.


Quando si sceglie un compressore oil-free, occorre avere cura di selezionare un modello di Classe 0, non uno "tecnicamente oil-free". I compressori di tale classe hanno in genere un costo iniziale più alto, ma risultano molto più sicuri da utilizzare nelle applicazioni sensibili. La Classe 0 dà la certezza che assolutamente nessun contaminante raggiunga le attrezzature degli utenti finali e che le risorse siano adeguatamente protette. Al momento di scegliere fra un compressore d'aria oil-free o uno lubrificato con olio, il miglior modo di procedere consiste sempre nel richiedere il parere di un professionista dell'aria compressa.


Altre domande appropriate quando si acquista un compressore